Siamo ufficialmente entrati nella settimana di Halloween, quindi capiamone di più su questa tanto amata quanto criticata festività!


DA DOVE ARRIVA HALLOWEEN?


"All Hallows' Eve Day" sarebbe il nome intero che contratto va a dare il nome a questa festività che ha origini britanniche e più precisamente celtiche.
Il capodanno celtico infatti cadeva il primo novembre e stava ad indicare la fine dell'estate e l'inizio dell'inverno; la vigilia, quindi il 31 ottobre, si festeggiava Samhain per ringraziare gli spiriti dei raccolti estivi.
Si credeva che durante questa notte la barriera tra il mondo dei vivi e quello dei morti si assottigliasse talmente tanto da permettere a quest'ultimi di tornare sulla terra;

per non indisporli ( si temeva che potessero allearsi con fate ed elfi per fare dispetti) si lasciavano dolcetti fuori dall'abitazione e per guidarli attraverso i villaggi si appendevano lanterne ricavate dalle zucche.

In Gran Bretagna e ancor più in America è molto sentito e festeggiato con decorazioni meravigliose e parate.. in Italia, invece?
Molti pensano che sia una festa importata e di conseguenza non sentita, ma è invece provato che anche qui da noi, specialmente nel sud Italia, la vigilia di Ognissanti sia sempre stata una notte speciale piena di preghiere per i morti.


TRICK OR TREAT?


Quanti si trovano ad aprire a bambini che durante la notte di Halloween vengono a chiederci: DOLCETTO O SCHERZETTO? E quanti vorrebbero urlare loro SCHERZETTO?! Invece con tanta pazienza li rifocilliamo di dolcetti vari. Questa usanza di mascherarsi deriva da una tradizione tardomedievale quando la gente povera andava di porta in porta per chiedere l'elemosina e riceveva cibo in cambio di preghiere per i morti.
Molto similmente i primi Cristiani, nel celebrare la commemorazione dei defunti, vagabondavano nei villaggi chiedendo un dolce chiamato "pane d'anima"; più dolci ricevevano maggiori erano le preghiere rivolte ai defunti del donatore.


VI SEMBRA ANCORA CHE NON SIA UNA TRADIZIONE ANCHE ITALIANA?


JACK O LANTERN


La zucca intagliata che rappresenta l'icona fondamentale della festa di Halloween è conosciuta ormai in tutto il mondo. Pochi, però, sanno a cosa si riferisce esattamente. Per trovare una spiegazione bisogna risalire a una vecchia leggenda della tradizione irlandese, quella che parla di quell'anima prava di nome Jack.


Un fabbro irlandese di nome Jack, ubriacone e taccagno, incontrò, la notte di Halloween, il Diavolo in un pub. Stava per cadere nelle sue mani, quando riuscì Ad imbrogliarlo facendogli credere che gli avrebbe venduto la sua anima in cambio di un'ultima bevuta.
Il Diavolo, così, si trasformò in una monetina da sei pence per pagare l'oste e Jack fu abbastanza veloce da riuscire ad intascarsela.
Poiché, poi, possedeva anche una croce d'argento, il Diavolo non riuscì più a tornare alla sua forma originaria. Jack, allora, stipulò un nuovo patto col Diavolo, e cioè che lo avrebbe lasciato andare purché questi, per almeno 10 anni, non tornasse a reclamare la sua anima.
Il Diavolo accettò.
Dieci anni dopo, Jack e il Diavolo si incontrarono di nuovo e Jack, sempre con uno stratagemma, riuscì a sottrarsi al potere del principe delle tenebre e a fargli promettere che non lo avrebbe cercato mai più.
Il Diavolo, che si trovava in una situazione difficile, non poté far altro che accettare.
Quando Jack morì, a causa della sua vita dissoluta, non fu ammesso al Regno dei Cieli e fu costretto a bussare alle Porte dell'Inferno; il Diavolo, però, che aveva promesso che non lo avrebbe cercato, lo rispedì indietro tirandogli addosso un tizzone ardente.

Jack se ne servì per ritrovare la strada giusta e, affinché non si spegnesse col vento, lo mise sotto una rapa che stava mangiando.


CURIOSITÀ CHE FORSE NON CONOSCETE


  • I colori della festività rappresentano le due stagioni a cavallo di questa notte; l'estate rappresentata dall'arancione dei campi e l'inverno dal nero, simbolo del buio.

  • Secondo una tradizione americana nella vigilia di Halloween si può sapere quanto si vivrà: basta sbucciare una mela e più lunga sarà la buccia, più a lungo si vivrà.

  • Il termine "witch" (strega), in olandese antico si traduce con "Wicce" ovvero "wise woman" cioè saggia. Questa donna saggia è uno dei simboli di Halloween perché leggenda vuole che in questa notte le streghe compiano i loro raduni.

  • Una tradizione scozzese sosteneva che una ragazza avrebbe potuto vedere il volto del suo futuro marito stendendo lenzuola bagnate davanti a un fuoco la notte di Halloween.

  • Halloween ad Hong Kong si chiama "Yue Lan", cioè festa dei morti affamati durante cui vengono accesi fuochi e offerti doni e cibo per placare la fame dei fantasmi che si potrebbero innervosire con i vivi.

  • Salem (Massachussetts) ed Anoka ( Minnesota) si sono autoproclamate capitali di Halloween.

  • Esiste la Samhainofobia che è la paura persistente ed ingiustificata di Halloween. Attenzione! Non un fastidio o un rifiuto, ma una vera e propria fobia diagnosticata e certificata alivello clinico.

  • Volete vedere una strega? Facilissimo: indossate vestiti al contrario e camminate all'indietro durante questa notte.

  • I pipistrelli sono associati ad Halloween come legati al mondo delle streghe, in realtà i celti costruivano falò in preparazione della notte che attiravano insetti… e ne conseguivano i pipistrelli che si trovavano un bel banchetto servito!



  • VI PIACE HALLOWEEN? VENITE A FESTEGGIARLO CON NOI!


    Halloween LOVEST Party

Tags: halloween festività eventi festa
Categoria: Festività
Pubblicato: 24 ottobre 2018 - 21:15


Prencipe Deborah

Vice Presidente

Altri contenuti recenti


Storia

Mariasilvia Spolato: verso i diritti LGBT

Mariasilvia Spolato è stata la prima donna italiana a dichiararsi omosessuale. Brillante insegnante di matematica, è stata allontanata dal suo lavoro e dai suoi st
Leggi tutto

Celebrazioni

Coming Out Day

Carissimi,Per quelli di voi che non lo sanno, oggi è il Coming Out Day! E per questo abbiamo deciso di condividere con voi alcune citazioni e notizie pubblicate proprio
Leggi tutto